disegno

la scelta del giusto colore. con una mano lo scegli, con l’altra togli il tappo e lo tieni stretto, per non perderlo. le labbra si stringono, gli occhi si asottigliano. controlli attentamente ogni movimento della punta sul foglio, per non sbavare, per non uscire dalle linee. curva su te stessa, per promuovere questo tuo nuovo modo di comunicare. il disegno. ti serve, ne senti il bisogno.

foglie, gattini e coniglietti. il sole e i fiori. ti spio mentre la tua concentrazione sta cercando di dominare la tua impazienza. sei davvero l’essere più straordinario che abbia mai conosciuto. 

il mondo a testa in giù

Il mondo al contrario. Quaggiù, dove la terra è rossa come il sangue che è stato versato. Quaggiù dove la storia inizia quando tutto è finito. Quaggiù dove il colore è una bugia. Dove nulla, tranne le contraddizioni, sembra essere al suo posto.

E mentre qui sorge il sole di un estate che lentamente abbandona la tua finestra penso a te: ti comprerò un regalo che ti ricorderà dove è stato papà. Che mi ricorderà tutte le emozioni provate in questi giorni. Che mi aiuterà a riassaporare questa nostalgia che mi punge dentro, mentre, dietro il finestrino di un taxi, penso a te. Il mondo a testa in giù.

africa.jpg